Che cosa sono i Data center? Trattasi di strutture che ospitano e gestiscono un certo numero di apparecchiature informatiche, cuore operativo di quasi tutte le aziende, pubbliche o private.

Tale concentrazione di apparati, con notevole potenza elettrica assorbita, si traduce in elevata immissione di calore nei locali che li ospitano e conseguente surriscaldamento degli stessi macchinari. Per contrastare questo rischio, normalmente si reagisce approntando sistemi di raffredamento a ciclo frigorifero, che tuttavia consumano elevati quantitativi di energia da smaltire all’esterno degli edifici.

Ma ecco affacciarsi su questo scenario tradizionale un’idea alternativa agli impianti di condizionamento: il “freecooling” diretto, che sfrutta, quando possibile, la sorgente fredda più disponibile, ossia l’aria esterna.

CLIMATEL, forte della sua esperienza decennale in questo settore, ha sviluppato dei moduli FAM (Fan Air Module) adatti a varie tipologie di Data center e locali tecnologici. Questa tecnologia consente un risparmio energetico tanto maggiore quanto più elevato è il Δt tra l’aria esterna e l’ambiente interno in cui essa viene immessa (freecooling diretto). La contemporanea estrazione dell’aria esausta in uscita dagli apparati evita la formazione di hot-spots nei punti difficilmente raggiungibili dal sistema di distribuzione dell’aria.
I vantaggi di questo processo, oltre che sul piano della già citata efficienza energetica, sono: una ridottissima manutenzione, una tecnologia semplice ma concettualmente evoluta (utilizzo di EC fan e di un software dedicato), la leggerezza (il Freecooling risulta meno ingombrante di altri che utilizzano sistemi attivi) e infine, argomento di rilevante importanza, una considerevole riduzione dei tempi di funzionamento e relativi costi di esercizio dei condizionatori a ciclo frigorifero.